MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




Conan Exiles
copertina

Conan Exiles - provato in Game Preview

Dopo una lunga attesa, anche su Xbox One possiamo finalmente immergerci nelle lande della Cimmeria per dare sfogo al barbaro che è in noi: Conan Exiles è arrivato in Game Preview e noi siamo corsi a provarlo per verificare lo stato del titolo in questo primo rilascio: eccovi cosa abbiamo scoperto.
Il barbaro più famoso della pop culture, che abbiamo imparato a conoscere tra libri, fumetti, film e videogiochi, non si fa affatto attendere. Nel filmato iniziale del gioco scopriamo che il giocatore altro non è che un criminale punito con la crocifissione, e che viene salvato proprio da Conan. Il famoso barbaro però non diventa elemento fondamentale della trama, perché a questo punto il gioco si focalizza sul sopravvissuto, sull'esiliato (o esiliata, visto che possiamo creare anche un personaggio femminile), che dovrà sopravvivere in un mondo condiviso con altri giocatori (qualora si giochi online) e tra bestie pericolose come iene, draghi e mostri umanoidi.

Il gioco è pensato per essere giocato in soggettiva, ma similmente a quanto avviene nei giochi di ruolo di Bethesda è possibile usare anche la terza persona, anche se qui la cura per le animazioni e per la giocabilità fluida è decisamente minore rispetto alla visuale in prima persona. A chi ha giocato ad ARK: Survival Evolved, gli elementi di base di Conan Exiles risulteranno estremamente familiari, logici ed ovvi: si tratta infatti di un tipo di survival game molto simile.

Uno degli elementi più importanti sono i diversi parametri dinamici del nostro personaggio, da tenere costantemente d'occhio: temperatura corporea, fame, sete, stamina, peso degli oggetti nell'inventario, salute. Per farla semplice, basta non sforare in questi parametri e si resta vivi. I modi per tenere sotto controllo queste statistiche però sono molteplici, e coinvolgono numerose meccaniche di gioco che, oramai, sono dei veri e propri capisaldi del genere survival. Possiamo ad esempio cibarci di bacche, insetti, uova di animali o bestie cacciate, e bere dai fiumi, laghi o dall'acqua messa da parte in una borraccia. Possiamo poi crearci vestiti per combattere contro caldo e freddo (naturalmente il ciclo giorno/notte è dinamico, anche se per convenienza di gameplay il sole resta in cielo più a lungo della luna), dormire in un letto per rigenerarci ma anche per impostare un nuovo punto di respawn in caso di morte. E' possibile poi ottenere materiali come legna, pietra o minerali, combattere animali o altri essere viventi (ia dell'IA o altri giocatori) a pugni o con armi create da noi, dall'arco fino alla spada.

MX Video - Conan Exiles

Cos'ha da offrire di nuovo Conan Exiles allora? In primis, la licenza di Conan il Barbaro permette al gioco di avere creature particolari, ma anche un intero sistema di religioni, con i giocatori in grado di costruire altari per la propria divinità, cercando così di ottenere ricompense per la devozione. Non è l'unica cosa che si può costruire, ovviamente possiamo anche edificare case più o meno ambiziose con un sistema di blocchi posizionabili molto simile a quanto visto in giochi recenti come ARK e Fortnite, potendo così agganciare pavimenti, muri, tetti, porte e molto altro, mentre gli oggetti come scatole o falò possono essere posizionati quasi senza limiti. Da menzionare anche il fatto che i personaggi del gioco sono alquanto acrobatici: oltre a salti, rotolamenti e combattimenti possono anche scalare rocce ed alberi, un elemento abbastanza insolito per il genere ma che può creare situazioni di gioco davvero suggestive, soprattutto quando si viene attaccati da animali feroci.

Al momento non è possibile cavalcare gli animali, anche se questa funzione dovrebbe arrivare in futuro, in compenso è possibile convincere criminali gestiti dall'IA ad unirsi alla nostra causa, cosa che ci porta benefici extra nelle statistiche, che oltre a questo vengono gestite in un classico sistema da gioco di ruolo dove ogni azione porta punti XP, e dove salire di livello permette non solo di spendere punti nelle diverse caratteristiche come salute o resistenza, ma anche sbloccare oggetti sempre più complessi e utili nel sistema di crafting. In questo modo il nostro progresso è per forza di cose molto graduale: magari potremmo trovare subito qualche materiale raro o un'oasi piena di animali rari, ma solo dopo un certo livello disporremo dei mezzi necessari per poterne approfittare.

La valle degli esiliati dove si svolge per ora Conan Exiles (dico per ora, perché in futuro ci saranno altre aree) è davvero variegata: deserti, oasi, aree innevate, rocce, ricca vegetazione subacquea ma anche accampamenti e qualche occasionale città; sta ovviamente a noi avventurarci man mano per esplorare tutto e scoprire le differenze di gameplay di ogni luogo. E' possibile giocare da soli o in cooperativa per non avere nemici oltre all'IA, ma è anche possibile unirsi a server "ostili" dove ognuno è per sé e vige la legge del più forte. Anche in questi server è possibile allearsi, ma ci si potrà fidare?

Peraltro, è già da ora possibile noleggiare server per fare in modo che la partita non dipenda dalla presenza o meno dell'host, dando così la possibilità a comunità, clan o amici di formare delle partite accessibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Tramite la chat vocale e i gesti che i personaggi possono fare, è anche facile comunicare con i giocatori incontrati casualmente. Ah dimenticavo, qualora abbiate visto alcuni dei video demenziali di questo gioco su YouTube, sappiate che nella versione Xbox One i personaggi maschili hanno la parte intima coperta, quindi niente gare a chi ce l'ha più lungo (visto che la lunghezza del pene è generata casualmente) come su PC.

A livello grafico, Conan Exiles è abbastanza altalenante come ci si può aspettare da un titolo in Game Preview. I modelli poligonali, le animazioni e le texture sono di buonissimo livello e gli effetti speciali rendono davvero bene grazie all'utilizzo del potente e versatile Unreal Engine 4, ma il tutto è prevedibilmente rozzo per ora. Le animazioni delle scalate sono davvero inconsistenti e non tengono conto della forma della superficie; il framerate è buono ma ci sono parecchi freeze, soprattutto quando si sceglie un oggetto dall'inventario rapido; c'è ancora qualche crash di troppo; per non parlare dei menu abbastanza scomodi e a volte poco reattivi.

Oltre però ai fix generali che possiamo aspettarci prima dell'uscita finale del gioco prevista del prossimo marzo, cosa dovrebbe proporre in futuro Conan Exiles? Si mormora di altre lingue, più aree di gioco, la possibilità di cavalcare le bestie feroci, tante nuove costruzioni e molto altro, in un percorso di sviluppo che rispecchia quanto avviene in genere nei giochi survival. La domanda resta una: vale la pena investire nell'ennesimo ambizioso survival game che chissà come diventerà? Per il momento direi che la risposta è "ni": ciò che c'è diverte e funziona piuttosto bene, ma per ora gli elementi davvero innovativi sono molto pochi e per quanto il sistema di divinità, di città o di alleanze suonano bene, la loro profondità è per il momento relativa.

Già ora si tratta comunque di un gioco valido e divertente soprattutto online, ma obiettivamente per ora offre poco che il suo principale rivale, ARK: Survival Evolved (il quale, comunque, partì al tempo in maniera altrettanto incerta), già non offra. Siamo però solo agli inizi, e le premesse per avventure memorabili tra le terre desolate di Conan il Barbaro ci sono tutte: vedremo come si svilupperà il titolo nei prossimi mesi e naturalmente saremo qui a raccontarvi anche il prodotto finito l'anno prossimo!

c Commenti

copertina

L'autore

autore

Prima di saper scrivere a mano, sapeva già immettere i comandi DOS per avviare Doom, ma dopo una lunga vita al PC, il mondo di Halo lo avvicina alle console Microsoft. Non si nega i classici giochi tripla-A, specialmente gli FPS competitivi, ma passa la maggior parte del tempo a scovare gemme nascoste, dagli indie insoliti ai folli shmup giapponesi.

c

Commenti

caricamento Caricamento commenti...