MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




img Xbox One X
copertina

Xbox One X - prime impressioni dall'E3

La vera star dell'E3 di Microsoft è indubbiamente stata Xbox One X, la nuova potentissima console che mira a soddisfare le aspettative dei giocatori più esigenti con specifiche di tutto rispetto: eccovi le nostre prime impressioni dopo averla provata a Los Angeles.
Ogni primo incontro con una nuova console è sempre un’occasione speciale nella vita di un giocatore. Le promesse di nuova potenza, funzionalità e design… nulla batte questo momento speciale. Ed il nostro primo impatto con Xbox One X è stato rapido e brutale. Ci siamo girati, mentre camminavamo all'interno dello Xbox Showcase a Los Angeles, ed eccola lì, protetta a vista da un paio di bodyguards che non permettevano a nessuno di toccarla. Xbox One X sorprende immediatamente per la sua dimensione incredibilmente ridotta e per il suo design, derivato da quello di Xbox One S. E' talmente piccola da far sembrare un gamepad, poggiato sopra, anormalmente grande.

  • img
  • img
  • img
  • img

Una console compatta, dicevamo. Incredibile come gli ingegneri di Microsoft abbiamo potuto racchiudere tutta quella potenza all’interno di uno chassis più piccolo di quello di One S, e senza usare un alimentatore esterno. Molto del merito va al sistema di raffreddamento a camera di vapore, che elimina la necessità di grandi ventole ed ampie superfici di scambio termico. Difficile valutare la rumorosità del sistema di raffreddamento, vista la baraonda dello showcase, ma dovrebbe permettere alla console di operare in modo per lo più silenzioso.

MX Video - Xbox One X

In fiera tuttavia non erano presenti modelli finali di Xbox One X: le foto che vi abbiamo mostrato in passato, sono del solo guscio esterno, ma questo non significa che non ci fossero delle vere Xbox One X funzionanti in fiera. Tutti i giochi da noi provati giravano infatti su dev kit, quelli con schermo frontale già visti in passato, che all'interno contengono esattamente la stessa scheda e le stesse componenti della console finale, a partire dallo Scorpio Engine, il system-on-a-chip che alimenta la console. Racchiusi all’interno di sicure teche di plastica, anche questi dev kit sono davvero magnifici da vedere: avremmo desiderato che, in uno sprazzo di follia, Microsoft avesse deciso di inserire lo schermo anche nella versione finale della console. Ovviamente questo non ha alcuna funzione per i giocatori, ma serve agli sviluppatori per mostrare informazioni diverse: indirizzo IP della console, percentuale d'utilizzo dei core e altre statistiche. Nel caso di alcuni giochi, come ad esempio Assassin’s Creed: Origins, sullo schermo c’era semplicemente il logo del gioco.

  • img
  • img
  • img

Non parleremo in questa sede dei singoli giochi provati sulla console, ma dobbiamo assolutamente citare la rapidità nei caricamenti. Assassin’s Creed Origins, ad esempio, caricava i livelli con una rapidità mai vista in un titolo della serie. Non possiamo ovviamente affermare con certezza che si tratti di un vantaggio che troveremo in tutti i giochi di Xbox One X, l’unico vero test sarà comparare i giochi finiti su diverse piattaforme, ma l’impressione è che la console sia in grado di tagliare i tempi di caricamento in modo sostanziale.

Nessun cambiamento di rilievo per il gamepad invece. Tutti le postazioni erano dotate di pad di colore bianco, del tutto simili a quelli venduti in bundle con Xbox One S. D’altra parte Microsoft ha annunciato oramai da lungo tempo che gli accessori sono gli stessi della vecchia console.

  • img
  • img
  • img
  • img

L’accento è stato posto sui giochi e non sulla console. Mostrata quasi in sordina, con un design che ricorda molto da vicino quello di Xbox One S proprio per non segnare un punto di rottura ma di continuità, Xbox One X vuole essere una evoluzione, una continuazione dell’ecosistema Xbox e non una nuova generazione. Ed in effetti, questo lo ha chiarito anche Phil Spencer stesso, su Xbox non ha più senso pensare in termini di generazioni, perché Microsoft vuole lasciarselo alle spalle a favore di "aggiornamenti hardware" più organici, compatibili tra loro e magari posti a minor distanza l'uno dall'altro. A conti fatti, Xbox One X offre tantissima potenza racchiusa in una piccola scatola che scompare nell’arredo del salotto. Una scelta che approviamo e che lascia spazio ai veri protagonisti: i giochi.

c Commenti (14)

copertina

c

Commenti

x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...