MondoXbox

Live your
passion!

MondoXbox




Atomine

Atomine - anteprima hands-on

Uno dei titoli più interessanti tra quelli presenti al recente evento milanese ID@XBOX è stato sicuramente Atomine, un frenetico dual-stick shooter sviluppato dallo studio italo-australiano Broken Arms Games che mette i giocatori nei panni di un potente virus informatico realmente esistito. Siete curiosi di saperne di più? Non vi resta che continuare a leggere.
Forse in molti non sanno che, tra il 2010 ed il 2011, Sergey Ulasen, un impiegato di un’azienda di sicurezza bielorussa, scoprì quasi per caso l’esistenza di virus progettato per infettare una specifica centrale nucleare iraniana così da sabotare la produzione di uranio arricchito. La paternità del software, poi rinominato Stuxnet, non è mai stata accertata in modo ufficiale ma la teoria più accreditata sostiene che il virus sia stato progettato dalla NSA (l'agenzia per la Sicurezza Nazionale americana) con la collaborazione dei servizi di intelligence israeliani. Atomine prende spunto da questi eventi e li condensa in un adrenalinico dual-stick shooter avente per protagonista proprio il virus Stuxnet. Alla guida del potente worm i giocatori devono affrontare ed eliminare i nemici presenti in una serie di livelli generati in modo procedurale, combinando oltre 1000 stanze diverse. La versione completa del titolo includerà 9 personaggi diversi, ognuno caratterizzato da un gameplay specifico, 13 livelli unici intervallati da alcune boss fight ed alcuni interessanti elementi tipici dei titoli “roguelite”. Ogni nemico abbattuto infatti lascia sul campo di battaglia punti esperienza, energia e moduli con cui è possibile personalizzare il proprio virus nelle apposite "stanze di compilazione". Nelle intenzioni degli sviluppatori il titolo, una volta ultimato, includerà oltre 100 moduli con cui modificare l’arsenale a disposizione di Stuxnet ed una trentina di potenziamenti specifici, il che dovrebbe garantire al titolo una buona longevità ed un’elevata rigiocabilità.

MX Video - Atomine

Pad alla mano Atomine si presenta come un classico sparatutto con visuale isometrica nel quale usiamo lo stick analogico sinistro per muovere il protagonista e quello destro per indirizzare il fuoco dell’arma equipaggiata, il tutto all’interno di ambientazioni progettate e sviluppate per mettere alla prova i nostri riflessi e le nostre capacità di reazione. Ogni livello è popolato da un numero prestabilito di nemici, che rappresentano le contromisure presenti nel sistema infettato e che devono necessariamente essere abbattuti prima di poter sbloccare l’accesso al livello successivo. Niente di troppo complicato insomma, come da tradizione del genere. A rendere le cose decisamente più interessanti ci pensano però il level design e le innumerevoli personalizzazioni presenti. Come già detto, ogni area viene generata in modo procedurale attingendo da un catalogo di oltre 1000 stanze, e questo basterebbe già a garantire una varietà più che accettabile al titolo. I ragazzi di Broken Arms Games hanno però pensato bene di “costringere” il giocatore a dover utilizzare la stanza di compilazione per potenziare il proprio virus e di inserire nel gioco numerose aree segrete, due fattori che aumentano esponenzialmente la profondità del titolo. Durante la prova ho infatti potuto apprezzare in prima persona la bontà del lavoro svolto divertendomi ad esplorare a fondo ogni stanza mentre i nemici mi bersagliavano senza sosta da ogni parte. A tutto questo si somma poi la presenza di un’infinità di potenziamenti e personalizzazioni capaci di modificare in modo sensibile l’esperienza di gioco. Trafficando un po’ con i vari moduli raccolti durante la prova ho infatti potenziato le capacità difensive del mio worm, aumentato il rateo di fuoco e sperimentato differenti tipologie di armi. Una di queste permetteva di sparare colpi doppi mentre un’altra equipaggiava proiettili rimbalzanti, con effetti profondamente differenti.

Dal punto di vista tecnico Atomine propone un comparto grafico minimalista caratterizzato dall’uso di forme geometriche semplici, strutture semitrasparenti e contrasti di colore. Stuxnet, almeno nella sua versione base, viene rappresentato a schermo come un cubo di colore nero mentre gli avversari hanno un aspetto più elaborato e variopinto, ma comunque basato sull’uso di poligoni semplici. Le stanze presenti nel gioco appaiono molto squadrate, così come gli elementi che il sistema posiziona ai margini o all’interno delle stesse. Tutte le strutture seguono uno stile grafico essenziale, ma anche in questo caso è l’alternanza di forme e colori a fare la differenza e a rendere questo shooter estremamente gradevole da un punto di vista visivo. Allo stato attuale il tasso di sfida appare , come prevedibile, abbastanza elevato per merito di una IA davvero aggressiva capace di mettere a dura prova le nostre abilità (e pollici) in più di un’occasione.

La build provata durante l’evento era ovviamente molto acerba e soffriva purtroppo di alcuni fastidiosi bug, ma nel complesso Atomine mi è sembrato assolutamente in grado di catturare l’attenzione degli amanti del genere grazie ad una giocabilità ben strutturata e ad un comparto grafico di ottima fattura. Per scoprire se il team di Broken Arms Games riuscirà in questa impresa dovremo però pazientare ancora un po’ dato che l’uscita, al momento, è fissata genericamente per la fine del 2017.

c Commenti


L'autore

autore

Classe 1985 e cresciuto a pane, Commodore e Amiga, nel 1991 riceve il suo primo NES e da allora niente è più lo stesso. Attraversa tutte le generazioni di console tra platform, GDR, giochi di guida e FPS fino al 2004, quando approda su Xbox. Ancora oggi, a distanza di anni, vive consumato da questo sentimento dividendosi tra famiglia, lavoro, videogiochi, corsa, cinema e serie TV, nell’attesa che qualcuno scopra come rallentare il tempo per permettergli di dormire almeno un paio d’ore per notte.

c

Commenti

x Invio commenti disattivato per gli articoli più vecchi di tre mesi.
caricamento Caricamento commenti...